1. Raccolta fondi per la campagna elettorale del candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Asti Massimo Cerruti

    Asti merita il Massimo! Aiutaci a finanziare la campagna elettorale di Massimo Cerruti.
    2.331 € già donati dei 5.000 € previsti

Le inutili spese del Comune di Asti

Articolo di Angelo ZISA (candidato consigliere comunale per Asti)

*

Giovedì 23 febbraio: quattro chicchiere con i commercianti di P.zza SanSecondo

…con piacere ho notato che la stra-maggioranza dei commercianti di P.zza San Secondo è stata disponibile ad uno scambio di idee, ma con dispiacere ho notato che parecchi negozi erano vuoti!

Tutti mi hanno detto più o meno le stesse cose: la pista di pattinaggio montata quet’inverno in piazza non ha portato significativi aumenti di fatturato. Alcuni lamentano addirittura un leggero calo. Pochissimi invece hanno fatto intendere  un  leggero aumento del fatturato, tendenzialmente chi fornisce ristoro (bar e pizzerie). Ma senza particolare entusiasmo. Il massimo del commento positivo riguardo la pista di ghiaccio, è stato: “Un’idea carina, ma fatta e gestita male.

Altri lamentano la durata eccessiva dell’occupazione del suolo pubblico e delle operazioni di smantellamento. Alcuni si chiedono se c’era l’esigenza ad Asti di avere due piste di pattinaggio sul ghiaccio Altri propongono, per i prossimi Natale, l’idea di un mercatino, forse più adatto all’evento (per il tema natalizio, per il sostegno ai prodotti e all’artigianato locale).

Una certa critica però è stata fatta da tutti: prima di realizzare queste iniziative, non sarebbe meglio chiedere ai residenti e ai commercianti che vivono sul territorio? Tutti si sono dichiarati disponibilissimi a contribuire, anche solo per dire la propria o per opporsi, per dare suggerimenti, idee.

Personalmente sono stato colpito dalla reazione dei negozianti alle mie domande Cosa ne pensate della pista di pattinaggio?”  e “Stiamo scrivendo un Programma per Asti, avete dei suggerimenti?. Il che ha stupito tutti: sembravano aver visto un marziano, non un “politico”. Forse per la prima volta hanno incontrato un politico (nel senso di cittadino che si interessa dei problemi della città) e non un politicante.

Il messaggio da me percepito, è stato che in piazza si lavora di più senza attrazioni troppo invasive (come ha fatto notare uno di loro menzionando la “oscena serra per bambini” installata qualche mese fa).
Angelo ZISA

 

Comments are closed.