Le bugie (sul M5s) hanno le gambe corte

Ancora una volta la NuovaProvincia pubblica una lettera di tal Fiaccobraccio che rilancia di nuovo  falsità contro il MoVimento5stelle: “Non fa nulla di concreto, nulla per l’Italia, niente per la crisi economica, il lavoro, l’occupazione, la scuola, la sanità, le pensioni.

In realtà sul sito del Parlamento c’è scritto l’esatto contrario.

Per affrontare l’emergenza disoccupazione il M5s ha presentato le Proposte di Legge C.1750 e S.1148 “per l’introduzione del reddito di cittadinanza (come in quasi tutti i paesi europei) oltre alla S.924 “per il sostegno delle famiglie numerose”.

Per le imprese, oltre a misure per semplificare la burocrazia come la PdL C.1344, il M5s ha proposto l’esenzione dall’IRAP per le microimprese (C.1284) e, per chi un posto di lavoro ancora ce l’ha, il “Ripristino delle disposizioni in materia di reintegrazione del posto di lavoro di cui all‘articolo 18” (S.893).

Su scuola e università, oltre ad aver denunciato un taglio di 8 miliardi di euro  il M5s ha presentato la Pdl C.1860 per la destinazione di una quota dell’otto per mille a interventi di valorizzazione e ammodernamento del patrimonio immobiliare scolastico e la C.1857 per l’abolizione della concessione di contributi pubblici alle scuole private paritarie.

Davvero la battaglia dei grillini sulle pensioni d’oro (quelle oltre i 5.000 € al mese) è passata inosservata? Ricordiamola con due propposte di legge presentate:

–          C.1180 per l’introduzione di un limite massimo dei trattamenti economici erogati dalle amministrazioni statali e divieto di cumulo tra pensioni e redditi di lavoro;

–          C.1896 per l’introduzione di un limite di importo per i trattamenti pensionistici per il triennio 2014-2016.

Nulla per la sanità? Beh, non proprio:

– Proposta di Legge C.1131 in materia di assistenza sanitaria alle persone senza fissa dimora;

– C.1148 per il sostegno della ricerca e della produzione dei farmaci orfani e della cura delle malattie rare;

– C.1149 per l’stituzione dell’Ufficio del Garante della salute;

– C.1222 – Disposizioni concernenti l’istituzione di centri diurni socio-riabilitativi per i minori affetti da malattie psico-fisiche;

– S.1018 per la riduzione dell’indennità parlamentare e della diaria, e contestuale incremento delle dotazioni del Fondo per le politiche sociali;

– S.856 per l’esclusione dal patto di stabilità interno delle spese sostenute da province e comuni per servizi educativi, culturali e socio-assistenziali.

Già, ha ragione Fiaccobraccio: le proposte di legge del M5s approvate sono zero. C’è da esserne felici? Lo sanno i cittadini su cosa si è concentrato il governo Letta in questi mesi? Ecco quali proposte di legge ha preferito approvare il Parlamento:

–          proroga delle spese per le missioni militari all’estero (260 milioni di euro…);

–          modifica del nome alla tassa IMU (ora più cara…ma con nomi diversi…);

–          pene più severe ai cittadini che fotografano i cantieri del TAV (l’hanno chiamata “Legge contro il femminicidio”…);

–          aumenti vari delle tasse (IVA, tassa rifiuti, trasporti pubblici, ecc.);

–          conferma delle “grandi opere” (pagate dai cittadini) come l’Expo2015, il TAV, l’acquisto di aerei da guerra F-35 (si, diversamente da quanto si dice l’acquisto non è stato sospeso!).

–          continua…

Ma veniamo alla lotta contro il gioco d’azzardo : è di ieri la notizia che il PD (di Renzi) ha approvato un emendamento che punisce i comuni che vogliono contrastare il gioco d’azzardo. Non male come regalo di Natale dopo quello del governo Letta (PD+Forza Italia+Monti) che qualche mese fa aveva approvato lo sconto della multa ai gestori di slot machines (quelle che stanno mandando sul lastrico molte famiglie!) ora abbassata a 600milioni (inizialmente ammontava a 98 miliardi!).

Intanto il Parlamento non ha ancora discusso queste proposte di legge del M5s:

C.1596 – Disposizioni per la prevenzione della diffusione dei fattori di rischio del gioco d’azzardo patologico, nonché per la cura e la riabilitazione dei soggetti che ne sono affetti;
C.1562 – Disposizioni concernenti la disciplina del gioco d’azzardo e le sanzioni relative al suo esercizio nonché la prevenzione del gioco d’azzardo patologico, la cura e la riabilitazione dei soggetti da esso affetti;

S.873 – Disposizioni in materia di gioco d’azzardo, concernenti la cura della ludopatia e la tutela dei minori e le fasce a rischio;
S.850 – Nuove disposizioni in materia di gioco d’azzardo;
C.1035Divieto della propaganda pubblicitaria dei giochi con vincite in denaro e della partecipazione dei minori ai medesimi.

In merito al consenso del M5s non credo sia Grillo a doversi preoccupare. A gennaio un sondaggio di Ballarò dava il PD al 33,4% e il Movimento 5 stelle al 12,5% …finì praticamente con entrambi i partiti al 25%. Ora il PD (sempre secondo Pagnoncelli-Ballrò) sarebbe al 32,2% (come prima del voto) e il M5s al 20,9% …quasi il doppio. A maggio scopriremo quanto sbagliano i sondaggi di Floris

 

1 comment to Le bugie (sul M5s) hanno le gambe corte