il PD propone un assessore in più, noi tre in meno

MOZIONE: riduzione del numero degli assessori comunali

PREMESSO CHE
* l’articolo 12 dello Statuto comunale stabilisce che la Giunta comunale è composta dal Sindaco e da otto assessori;

CONSIDERATO CHE
* il Sindaco, come riportato dai giornali, avrebbe intenzione di far approvare dal Consiglio Comunale una modifica allo statuto al fine di aumentare il numero degli assessori;
* come riportato dai giornali, gli assessori previsti sarebbero ben nove (Santo CANNELLA, Davide ARRI, Maria BAGNADENTRO, Andrea CERRATO, Mario SORBA, Piero VERCELLI, Alberto PASTA, Marta PARODI, Massimo COTTO) più il Sindaco (Fabrizio BRIGNOLO);

CONSIDERATO INOLTRE CHE
* le dimensioni di una città come Asti portano a ritenere sufficienti sei assessori (la Città di Torino ha dieci volte tanto gli abitanti di Asti ma non ha 90 assessori: ne ha 11);
* la riduzione del numero degli assessori da nove a sei determinerebbe, considerati gli attuali compensi previsti per sindaco e assessori, un risparmio di risorse finanziarie di circa €. 460.000 (2.840,46 € mensili lordi x 0,90 (diminuzione ipotizzata dal Sindaco) x 3 assessori in meno x 12 mesi x 5 anni di legislatura) che potrebbero invece essere destinate a risolvere l’annoso problema della messa in sicurezza degli edifici scolastici e per il rilancio dell’economia locale di qualità incentivando la creazione di imprese agricole giovanili;

RITENUTO OPPORTUNO
* dare un concreto segnale di sobrietà e parsimonia nella gestione delle risorse pubbliche soprattutto in questo periodo in cui ai cittadini e ai lavoratori vengono chiesti molti sacrifici;

IMPEGNA il Sindaco e la Giunta:
* a sottoporre all’approvazione del Consiglio comunale una proposta di deliberazione diretta a ridurre, attraverso la modifica dell’articolo 12 dello Statuto comunale il numero degli assessori a sei;
* ad utilizzare le risorse risparmiate a favore della messa in sicurezza degli edifici scolastici e per il rilancio dell’economia locale di qualità incentivando la creazione di imprese agricole giovanili.

 

Comments are closed.